I SINDACI SI TRASORMANO IN SPAZZINI

A Sant’Angelo e Ceretto raccolti i rifiuti abbandonati lungo l’ex statale dei Cairoli

Da LA PROVINCIA PAVESE
di Sandro Barberis

SANT’ANGELO

Due carretti pieni di rifiuti. E’ quanto raccolto ieri mattina dai sindaci e consiglieri comunali di Ceretto e Sant’Angelo Lomellina. I due primi cittadini, Giovanni Cattaneo e Matteo Grossi, hanno unito le forze per ripulire il ciglio della ex statale 596 dei Cairoli che collega Robbio con Mortara, costeggiando proprio i due piccoli comuni. «A lato della strada abbiamo trovato qualsiasi cosa, decine di sacchi dell’indifferenziata buttati a terra, ma anche ceramiche d’arredamento interno per non parlare di bottiglie vuote e piatti rotti. Di tutto e di più – spiega Grossi – Una situazione indecorosa a cui io e Cattaneo, lavorando gratis insieme ai consiglieri, abbiamo voluto porre rimedio. Una scelta autonoma o erano state fatte segnalazioni? «La competenza sulla manutenzione dei fossi lungo le strade è dei comuni, mentre la Provincia deve badare allo stato delle strade. Quindi, siamo stati noi a renderci conto giorno dopo giorno dei rifiuti che si accumulavano – spiega Grossi – Purtroppo c’è poco senso civico, dopo aver pulito abbiamo apposto dei cartelli per segnalare il divieto di scarico rifiuti. Stiamo pensando anche a un’ordinanza per sanzionare i trasgressori».